Sembra yogurt ma non è, serve a darti l’allegria: è il kefir

Tutte le proprietà della bevanda originaria del Caucaso

È una bevanda rinfrescante e salutare, ricca di fermenti lattici o probiotici e dal gusto fresco, leggermente acido, ma dal sapore piacevole. Potremmo pensare che sia yogurt, ma non lo è. È il kefir. Un preparato a base di latte fresco (di pecora, capra o vacca) e fermenti o granuli di Kefir, formati da un polisaccaride chiamato kefiran che ospita colonie di batteri e lieviti.

Originario del Caucaso, in voga in Russia, è molto apprezzato già da migliaia di anni per i suoi particolari benefici per la salute. Oltre ai fermenti, che garantiscono il corretto funzionamento dell’intestino, contiene molti minerali, come il calcio, il magnesio, il fosforo e lo zinco, e amminoacidi come il triptofano, che agisce sul sistema nervoso, combattendo iperattività e disturbi del sonno. È ricco di vitamine del gruppo B e vitamina K, che regolano il sistema renale e hanno funzione antiossidante. Inoltre, buona notizia per gli intolleranti al latte: anche se deriva da quest’ultimo, il kefir è molto povero di lattosio.

Tra le sue proprietà c’è quella di aiutare le difese immunitarie, in quanto stimola la produzione di anticorpi, riequilibra la flora intestinale e elimina il colesterolo cattivo nel sangue. Particolarmente indicato per chi ha bisogno di energia o per chi si sta riprendendo da un trattamento di antibiotici, agli anziani, e soprattutto alle donne in gravidanza grazie al suo contenuto di acido folico fondamentale per lo sviluppo del feto.

Elisir di lunga vita? No, solo una bevanda a base di latte. Ecco come si prepara.

Ingredienti

  • 50g di granuli di Kefir di latte (due cucchiai circa);
  • ½ lt di latte a piacere a temperatura ambiente;

Preparazione

  1. Mettere i granuli di Kefir in un contenitore di vetro con coperchio;
  2. Versare il latte (non riempire fino all’orlo il contenitore);
  3. Chiudere il recipiente;
  4. Lasciare il recipiente in un luogo a temperatura ambiente (in estate meglio in frigorifero);
  5. Aspettare 48 ore finché il latte non si sia cagliato (durante le 48 ore mescolare ogni tanto). Il Kefir non deve cagliare eccessivamente ma rimanere abbastanza liquido per evitare che diventi troppo acido;
  6. Filtrare il Kefir in maniera da separare i granuli dal latte fermentato.

Il Kefir è pronto quando ha una consistenza densa e il volume dei granuli è aumentato.