Pasto jolly? Ecco quando ti fa ingrassare di meno

Alcuni consigli per mangiare il vostro cibo preferito senza alzare troppo la glicemia

A scoraggiarci dal metterci in forma ci pensano le diete drastiche, piene di alimenti vietati. Si tratta, infatti, di strategie alimentari incapaci di produrre benefici a lungo termine e che di solito ci promettono il miracolo in temi molto brevi.

Il rischio è proprio quello di sottovalutare l’importanza di gratificarsi con il cibo, di tanto in tanto: la soddisfazione nel concedersi un pasto jolly, con quello che più ci piace, è fonte di energie mentali positive. Utili a farci proseguire un regime nutrizionale corretto.

Ma da quali elementi possono essere composti i pasti jolly?

In genere da carboidrati ad alto indice glicemico, come pane, pasta, patate o pizza. Ossia quegli alimenti che prima di riuscire a smaltire bisogna sudare parecchio.

Un esempio?

Un semplice piatto di pasta al pomodoro necessita di un allenamento di circa un’ora di squash. Incredibile, vero? Altrettanto importante per la tua alimentazione è il timing.

Ecco, quindi, quando mangiare e gustare il proprio pasto jolly.

Una buona strategia potrebbe essere quella di mangiare quello che ci piace a colazione. Iniziare la giornata con qualcosa di sfizioso la rende subito migliore, e sfruttare i carboidrati ad alto indice glicemico di prima mattina ti permetterà di avere le riserve necessarie per affrontare la giornata.

Se però pensi di non poter fare a meno del pasto jolly durante uno dei due pasti principali, allora ricordati dell’abbinamento proteico.

Abbinare le proteine ai carboidrati ad alto indice glicemico ti permetterà di gustarti il tuo piatto preferito, e di tenere al contempo sotto controllo glicemia e insulina. E oltre a essere sazio avrai stimolato la sintesi proteica.

Un’altra soluzione potrebbe essere quella di sfruttare il pasto jolly dopo l’allenamento.

Inserire il tuo jolly finito l'allenamento, ti permetterà di ricaricare quelle che sono le scorte di glicogeno muscolare senza alterare la tua glicemia e senza il rischio di metterci grasso.

Correlati