Dolce attesa sì, ma quante nausee…Ecco come combatterle

Sono sgradite compagne di viaggio di quasi ogni gravidanza. Alcuni consigli per limitarle

«Oddio, ho la nausea…non sarò mica incinta?». Quel fastidioso senso di malessere che comunemente chiamiamo nausea ci fa subito pensare a una gravidanza. Del resto non potrebbe essere altrimenti, e chi ci è passato lo sa bene. In particolar modo nei primi tre mesi di gestazione, la futura mamma a ogni risveglio è accompagnata da quella sgradevole sensazione di dover correre in bagno a rimettere. Per alcune fortunate il problema è leggero e facilmente sopportabile, altre volte invece è un vero e proprio tormento. Mesi e mesi di vomiti ripetuti che lasciano spazio, a fine gravidanza, all’acidità di stomaco tipica delle ultime settimane prima del parto. Insomma, un calvario.

Sulle nausee in gravidanza spopolano i falsi miti: c’è chi dice che averle è un buon segno, perché tiene lontani gli aborti, e chi le associa al sesso del bambino. Tanta nausea? Sarà femmina. Stai bene? Prepara corredini in tinta azzurra. Tutte leggende che non hanno alcuna valenza scientifica. Ma come fare per rendere quello della dolce attesa, un periodo che resta comunque magico e irripetibile per ogni donna, più sopportabile da un punto di vista fisico? Un aspetto da curare con particolare attenzione è quello dell’alimentazione.

In particolare, per cercare di limitare il malessere generato dalle nausee, una buona regola è quella di assumere un alimento alcalinizzante (quindi frutta, frutta secca, verdura) prima di andare a letto. Secondo alcuni studi anche lo zenzero riduce i sintomi di nausea e vomito, ma comunque è meglio usarlo con moderazione. Una buona norma è quella di tenersi un cracker integrale sul comodino e mangiarlo appena sveglie. In generale, il momento del risveglio è uno dei più delicati quindi è consigliato limitare i movimenti bruschi e fare colazione a letto. Un altro accorgimento importante è quello di mangiare spesso: sei pasti al giorno, inserendo anche i carboidrati che sono utili nel placare il senso di nausea. Sui carboidrati, un consiglio: non mangiarli mai soli, ma abbinati a una fonte proteica per rimanere sazie più a lungo. Quindi il toast sì, ma meglio se con il prosciutto…

 

Correlati