Proteine, la rotazione è fondamentale

L’importanza di variare alternando tutte le fonti proteiche, di origine animale e vegetale

Le proteine sono un macronutriente essenziale per il nostro organismo, per tantissime funzioni. È importante introdurle ad ogni pasto, perché consentono di mantenere l'anabolismo muscolare e il metabolismo stimolati e aiutano a mantenere la glicemia più stabile quando associate a carboidrati ad alto indice glicemico. 

Ma quali proteine prediligere? È sempre una buona regola cercare di fare una rotazione proteica, alternando tutte le proteine possibili, sia quelle di origine animale che quelle di origine vegetale. In questo modo avremo un’alimentazione più varia ed equilibrata e saremo certi di fornire al nostro organismo tutte le sostanze nutritive di cui ha bisogno.

Quindi spazio a un’adeguata e costante rotazione, a carne bianca, carne rossa, pesce, affettati, uova  e latticini per quel che riguarda le proteine di origine animali. E per i vegani? Le alternative in questo caso si riducono un po'. Dimenticatevi i legumi, molto più ricchi di carboidrati che di proteine. Le sole, vere, proteine di origine vegetale sono soia e un derivato dei cereali come il seitan. Il seitan è un impasto altamente proteico ricavato dal glutine di grano tenero, farro, o khorasan e può essere cucinato in moltissimi modi. La soia è invece un legume, l’unico a così alto contenuto proteico da poter essere appunto considerato una fonte vegetale di proteine a tutti gli effetti. Quindi, chi sceglie di eliminare dalla sua alimentazione tutte le proteine di origine animale dovrà essere bravo nell’inserire soia, seitan e tutti i loro derivati prediligendo nella sua alimentazione frutta e verdura, ricchi di carboidrati a basso indice glicemico e utilizzabili anche da soli, senza abbinamento proteico.