Mangi fuori? Scegli bene

Come gestire l’alimentazione durante i pasti al ristorante

Per chi è sempre molto impegnato e quindi la maggior parte della giornata la passa fuori casa, è fondamentale saper individuare bar, ristoranti e locali giusti. Innanzi tutto scegliete quelli che hanno una buona offerta di vegetali freschi: frutta, macedonia, spremute, centrifugati, insalate, zuppe, verdure e chi più ne ha più ne metta.

Una volta seduti al tavolo ricordate sempre di ordinare almeno un piatto a base di sole verdure e soltanto a seguire il piatto di portata. Fondamentale, infatti, non è solo la scelta del cibo, ma anche in che ordine mangiarlo. Scegliere prima le verdure è una delle strategie sazianti che vi aiuteranno a non arrivare affamati alla portata principale.

Le proteine vanno sempre preferite ai carboidrati. Questi ultimi sono ricchi di zuccheri e vanno a innalzare il livello di glicemia nel sangue, costringendo il nostro organismo a produrre più insulina, e di conseguenza ci fanno perdere il nostro indice di equilibrio. Ma c’è un modo perché l’effetto negativo dei carboidrati venga controllato: precedetelo con le proteine. Queste aiuteranno il vostro organismo a far si che non si alzi l’indice glicemico. E’ bene quindi sforzarsi e invertire il primo con il secondo, lasciando sempre la precedenza alle verdure.

Ultimo consiglio, ma non meno importante: controbilanciate i pasti. Se fate un pranzo o una cena di lavoro fuori, potete anche lasciarvi andare a qualche sgarro, ma a patto di controbilanciare con il pasto successivo o precedente. Il digiuno essenziale è la scelta giusta. Nutritevi solo di frutta e verdura per un giorno, il benessere psicofisico sarà immediato.

Correlati