I robot di Dominos’Pizza invadono l’Europa

Sbarco previsto la prossima estate ad Amburgo grazie ai dispositivi di Starship Techlogies. Puntualità, qualità e risparmi garantiti

Sarà Amburgo la prima città europea a essere invasa dai robot consegna pizza. Per un raggio di due chilometri dal punto vendita, il cliente che apre la porta non si troverò più davanti un giovanotto di belle speranze che arrotonda la paghetta, ma un robot dell’azienda Starship Technologies. Ad annunciare la rivoluzione della consegna a domicilio è la catena Dominos’Pizza che ha già messo sulle strade americane una mandria di piccoli robot (poco più grandi di un cane di taglia media) capaci di trasportare un carico non superiore ai 10 kg ad una velocità di 6km orari.

Lo sbarco in Germania è previsto per l’estate e punta già a conquistare anche l’Olanda, in attesa che la legislazione sull’uso di questi piccoli mezzi faccia passi avanti. Negli Stati Uniti, per esempio, solo Virginia e Idaho hanno messo a punto una regolamentazione dedicata al trasporto su robot. Ma molti altri stati si stanno dando una mossa. D’altronde, secondo i dati dell’International Federation for Robotics, entro il 2019 i robot utilizzati dalle aziende di logistica per le consegne supereranno quota 175mila.

I vantaggi, d’altronde, son evidenti. Oltre a un netto taglio dei costi per le aziende, il trasporto su robot garantisce tempi di consegna prestabiliti e monitorabili in tempo reale, impatto zero sull’ambiente (i robot funzionano con motori elettrici) e qualità del prodotto sempre ottimale. Senza contare che si tratta sempre di un peso in meno da portarsi appresso. 

Correlati